AllianzGI, politiche remunerative top management grandi imprese Ue includano KPI legati a criteri ESG

Allianz Global Investors, uno dei principali asset manager attivi nel panorama mondiale, ha pubblicato oggi l’analisi annuale dei voti che ha espresso nelle assemblee degli azionisti in tutto il mondo. L’analisi, basata su dati del 2021 relativi a quasi 110.000 proposte avanzate da azionisti e vertici aziendali, rivela una persistente e marcata disparità negli standard di corporate governance tra i diversi Paesi.

AllianzGI adotta un approccio particolarmente attivo e coerente a livello globale in termini di stewardship, dimostrando la volontà di non approvare risoluzioni non rispondenti alle sue attese nei confronti delle società partecipate, fedele all’impegno di agire nell’interesse dei clienti attraverso la valutazione di ogni singola proposta nel merito. Nel corso del 2021 AllianzGI ha partecipato a 10.190 (2020: 10.183) assemblee degli azionisti, e ha votato contro o si è astenuta su almeno uno dei punti all’ordine del giorno nel 68% (2020: 72%) delle assemblee a livello globale. Nel 21% dei casi (2020: 23%) si è inoltre opposta al totale delle risoluzioni presentate.

AllianzGI ha apportato diverse modifiche alla sua politica di voto per il 2022, rafforzando tra l’altro le linee guida in materia di Corporate Governance globale per quanto concerne le questioni legate alla sostenibilità. AllianzGI si aspetta che le grandi imprese europee includano degli indicatori chiave di performance (KPI) legati ai criteri ESG (Environmental, Social, governance) nelle politiche di remunerazione del top management, e nel 2023 voterà contro le politiche retributive che non contemplino tali indicatori. AllianzGI ha inoltre rafforzato le sue regole di voto concernenti la diversità etnica nel Regno Unito e negli Stati Uniti, chiarendo che si aspetta dalle aziende di questi Paesi un approccio alla diversità che vada oltre il genere.

Commentando quanto sopra, Matt Christensen, Global Head of Sustainable and Impact Investing di Allianz Global Investors, ha affermato:

“Siamo investitori attivi, e l’esercizio dei nostri diritti di voto è uno degli strumenti più efficaci che abbiamo a disposizione per promuovere il cambiamento. Coerentemente al nostro desiderio di contribuire ad un futuro più sostenibile con risultati positivi misurabili, vogliamo assicurarci che le aziende in cui investiamo adottino politiche di remunerazione del top management allineate a KPI in materia ESG, e voteremo contro quelle che non lo fanno.”

Politiche di remunerazione

Le proposte relative alle retribuzioni si confermano l’area più controversa a livello globale; lo evidenzia il fatto che AllianzGI ha votato contro il 47% (2020: 49%) delle proposte relative alle politiche di remunerazione del management. Le astensioni di AllianzGI sulle proposte di retribuzione a livello globale sono rimaste sostanzialmente invariate al 6%, un dato che riflette il numero crescente di engagement intrapresi con le società partecipate per cercare di migliorare i piani retributivi.

Nel 2021 AllianzGI ha modificato le sue Linee guida sul voto per delega, esaminando singolarmente ogni generosa proposta retributiva in presenza di consistenti aiuti di Stato diretti, licenziamenti su larga scala o tagli di dividendi (non richiesti dalle autorità) ascrivibili alla pandemia di Covid-19.

Come nel 2021, AllianzGI continua a monitorare attentamente le politiche di remunerazione delle imprese nel contesto della pandemia di Covid-19.

Fattori ambientali e sociali in primo piano

Per la prima volta nel 2021 le aziende hanno presentato risoluzioni con cui chiedevano agli azionisti di approvare la strategia sul clima; di conseguenza, AllianzGI ha elaborato specifiche linee guida in materia di voto, definendo le sue aspettative sul fatto che le aziende stabiliscano obiettivi e traguardi chiari, e si impegnino a presentare una relazione annuale, basata su standard di reporting consolidati, per consentire agli investitori di valutare i loro progressi. Spesso AllianzGI ha preso una decisione di voto sul clima dopo aver chiarito, attraverso l’engagement con l’azienda, i dettagli della strategia climatica messa ai voti, il livello degli obiettivi dell’impresa e il suo impegno a fornire aggiornamenti annuali per permettere agli investitori di giudicare i progressi fatti. AllianzGI ha votato su 31 delibere relative al clima presentate da 30 società e le ha appoggiate tutte, riconoscendo alle aziende che hanno presentato queste delibere il merito di essere state le prime a farlo. AllianzGI applicherà parametri più rigorosi in futuro, con il diffondersi delle delibere “say on climate” e l’evoluzione degli standard di mercato su queste votazioni.

Dal momento che incoraggiamo le aziende ad elevate emissioni di carbonio a mettere ai voti la propria strategia sul clima, abbiamo appoggiato tutte le delibere degli azionisti che richiedevano votazioni consultive non vincolanti sui piani d’azione per il clima. Abbiamo inoltre sostenuto l’83% delle proposte volte a migliorare il reporting sul cambiamento climatico e il 100% delle proposte sull’impatto ambientale per la collettività.

Promuovere la qualità dei consigli di amministrazione

Nonostante la lieve diminuzione dei voti contro le proposte inerenti ai membri dei Consigli di Amministrazione (23% nel 2021 vs. 26% nel 2020), permangono notevoli preoccupazioni circa l’assenza di un assetto sufficientemente equilibrato in numerosi CdA. AllianzGI ha votato contro molte società il cui consiglio di amministrazione e/o i suoi comitati non erano sufficientemente indipendenti per via del mandato di lunga data degli amministratori, oppure poiché i membri del consiglio erano rappresentanti degli azionisti di maggioranza. Questo fenomeno suscita particolari preoccupazioni negli Stati Uniti.

Anche l’“overboarding”, ossia la tendenza a ricoprire un numero eccessivo di incarichi nei CdA, rimane un problema rilevante. AllianzGI ha deciso di esaminare scrupolosamente gli incarichi degli amministratori, soprattutto nei casi di imprese duramente colpite dalle implicazioni economiche del COVID dove gli amministratori avevano un elevato numero di incarichi o rivestivano contemporaneamente un ruolo esecutivo.

ULTIME NEWS

Regusto e Rovagnati insieme contro lo spreco alimentare, nel 2021 donate 15 tonnellate di prodotti

Continua anche quest’anno la partnership che vede protagonisti Regusto e Rovagnati, impegnati in prima linea a combattere gli sprechi alimentari. Il 2021 ha registrato...

Sei giorni di puro jazz a Lana in Alto Adige

È ormai un appuntamento consolidato quello che coinvolge Lana in Alto Adige come teatro di Lana meets Jazz, il festival musicale estivo in cui...

NOTIZIE DELLA STESSA CATEGORIA

Regusto e Rovagnati insieme contro lo spreco alimentare, nel 2021 donate 15 tonnellate di prodotti

Continua anche quest’anno la partnership che vede protagonisti Regusto e Rovagnati, impegnati in prima linea a combattere gli sprechi alimentari. Il 2021 ha registrato...

Sei giorni di puro jazz a Lana in Alto Adige

È ormai un appuntamento consolidato quello che coinvolge Lana in Alto Adige come teatro di Lana meets Jazz, il festival musicale estivo in cui...

“Edizioni La Biennale di Venezia” per la prima volta partecipa al Salone Internazionale del Libro di Torino

“Edizioni La Biennale di Venezia” è presente per la prima volta con un proprio stand alla XXXIV edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino,...

NHOA diventa partner di Emergency per sostenere i rifugiati ucraini in Moldavia con una clinica mobile

Il Gruppo NHOA contribuirà alle cure mediche primarie e all’assistenza psicologica dei rifugiati ucraini in fuga dalla guerra finanziando per tre mesi l’attività e la...
Pubblicità

NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?