Andersen istituisce il Desk Innovazione Sostenibile

Andersen, studio di consulenza fiscale e legale con più di 320 sedi nel mondo, istituisce un team di lavoro multidisciplinare dedicato ad imprese ed enti che scelgono di attuare politiche nella direzione di una innovazione sostenibile, alla ricerca di una combinazione tra profitto ed impatto sociale.

Il Desk Innovazione Sostenibile supporta i clienti nella comprensione delle possibilità connesse alla promozione e all’attuazione di politiche di impatto sociale e responsabilità civile all’interno del quadro normativo attuale.

Il team si compone di professionalità trasversali, una interdisciplinarità che permette di cogliere al meglio tutti gli aspetti collegati ad una transizione coerente verso politiche di sostenibilità e di impatto civile.

Ogni operazione diventa quindi potenzialmente espressione consapevole di soggetti civilmente responsabili, con valutazioni e misurazioni sull’organizzazione così come sulle policy, sugli impatti previsti e generati, nonché sulla rappresentazione agli stakeholders.

Il Desk Innovazione Sostenibile mette a disposizione le esperienze maturate al fine di fornire una consulenza integrata sulle seguenti tematiche:

  • Costituzione di/trasformazione in Società Benefit e valutazione dell’impatto sociale;
  • Costituzione di organismi di presidio e ruolo degli amministratori;
  • Supporto a processi di acquisizione di tecnologia sostenibile;
  • Attività di due diligence ESG;
  • Design di strutture di Governance;
  • Identificazione degli obiettivi di sostenibilità e misurazione dell’impatto tramite standard di misurazione internazionali;
  • Predisposizione della rendicontazione di sostenibilità;
  • Predisposizione di Dichiarazioni di carattere non finanziario (D. Lgs. 254/2016);
  • Supporto nella redazione del Bilancio di Sostenibilità e del Bilancio Integrato;
  • Implementazione del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001;
  • Redazione di Codici Etici, Policy interne e Codici di Condotta;
  • Piani di welfare aziendale;
  • Supporto all’emissione di strumenti finanziari caratterizzati da un impatto sociale e ambientale (social impact bond/green bond);
  • Consulenza strategica per lo sviluppo di piani di innovazione sostenibile;
  • Consulenza per l’applicazione di tecnologie atte a certificare gli impatti generati;
  • Corporate digital responsibility.

Con le relazioni esistenti, l’offerta del Desk Innovazione Sostenibile integra anche competenze non prettamente legali e fiscali. I forti legami con Università ed enti legati all’istruzione e alla formazione professionale, le connessioni con gli istituti di ricerca, i rapporti con associazioni in ambito profit e non profit sensibili a temi di sostenibilità, permettono di attingere in modo sinergico a specificità complementari.

“Il Desk Innovazione Sostenibile – dichiara Andrea De Vecchi, CEO di Andersen – perfeziona la vocazione dello Studio verso progetti che combinano un alto contenuto tecnologico con una visione orientata all’impatto sociale. I nostri professionisti sono pronti a raccogliere la sfida dell’innovazione per assistere i clienti in una presa di posizione netta verso business sostenibili”.

La squadra di Andersen è coordinata dai partner Francesco Marconi e Francesco Inturri, entrambi impegnati da tempo su tematiche legate a nuovi modelli di impresa che pongano al centro la crescita delle persone e che consentano la generazione di un impatto sociale nell’esercizio dell’attività. I due coordinatori sono anche membri attivi di associazioni che offrono alle aziende gli strumenti necessari, sia teorici che pratici, per una transizione verso un modello di economia civile.

Gli altri partner coinvolti nel Desk Innovazione Sostenibile sono Paolo Trevisanato, esperto del mondo non profit, Francesca Capoferri, specialista di welfare aziendale e redazione di Dichiarazioni non finanziarie, e Alessandro Moretti, responsabile del progetto The Bridge Africa-Europe guidato dall’Agenda ONU 2030.

“Questo progetto – aggiunge Francesco Inturri – vuole essere un punto di incontro tra il mondo delle imprese, il progresso scientifico e la centralità delle persone. Ma anche un punto di partenza per migliorare gli standard di vita e di lavoro e per promuovere processi economici consapevoli del loro impatto sulla società, e dunque responsabili”.

“La sostenibilità – conclude Francesco Marconi – è spesso un paradigma astratto, ma se tradotto in modo pratico e misurabile può rappresentare un potente motore dell’innovazione nel business. Le ricadute sociali delle scelte aziendali sono ormai un elemento essenziale ed integrante della catena del valore. La cultura aziendale sarà poi sempre più improntata a un concetto di “leadership gentile”, ad un modello di management attento ai talenti di ogni persona”.

ULTIME NEWS

Regusto e Rovagnati insieme contro lo spreco alimentare, nel 2021 donate 15 tonnellate di prodotti

Continua anche quest’anno la partnership che vede protagonisti Regusto e Rovagnati, impegnati in prima linea a combattere gli sprechi alimentari. Il 2021 ha registrato...

Sei giorni di puro jazz a Lana in Alto Adige

È ormai un appuntamento consolidato quello che coinvolge Lana in Alto Adige come teatro di Lana meets Jazz, il festival musicale estivo in cui...

NOTIZIE DELLA STESSA CATEGORIA

Regusto e Rovagnati insieme contro lo spreco alimentare, nel 2021 donate 15 tonnellate di prodotti

Continua anche quest’anno la partnership che vede protagonisti Regusto e Rovagnati, impegnati in prima linea a combattere gli sprechi alimentari. Il 2021 ha registrato...

Sei giorni di puro jazz a Lana in Alto Adige

È ormai un appuntamento consolidato quello che coinvolge Lana in Alto Adige come teatro di Lana meets Jazz, il festival musicale estivo in cui...

“Edizioni La Biennale di Venezia” per la prima volta partecipa al Salone Internazionale del Libro di Torino

“Edizioni La Biennale di Venezia” è presente per la prima volta con un proprio stand alla XXXIV edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino,...

NHOA diventa partner di Emergency per sostenere i rifugiati ucraini in Moldavia con una clinica mobile

Il Gruppo NHOA contribuirà alle cure mediche primarie e all’assistenza psicologica dei rifugiati ucraini in fuga dalla guerra finanziando per tre mesi l’attività e la...
Pubblicità

NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?