Commissione Ue vara nuove linee guida sugli aiuti di Stato per protezione ambiente ed energia

La Commissione europea ha varato le nuove linee guida sugli aiuti di Stato per clima, protezione dell’ambiente ed energia, che saranno formalmente adottate a gennaio.

L’obiettivo e’ creare un quadro coerente con gli obiettivi climatici. Vengono estese le categorie di investimenti e tecnologie che gli Stati possono sostenere; vengono compresa la riduzione o l’eliminazione delle emissioni serra e facilitata la valutazione delle misure di sostegno della decarbonizzazione inclusi gli investimenti in fonti rinnovabili, efficienza energetica nei processi produttivi e nella decarbonizzazione dell’industria. In linea generale sono permessi aiuti fino al 100% delle esigenze mancanti di finanziamento (funding gap) specialmente se concessi seguendo le offerte competitive. Per quanto riguarda i nuovi investimenti nel gas naturale ‘e’ improbabile che misure di aiuto pubblico siano approvate a meno che sia dimostrato che siano compatibili con gli obiettivi climatici Ue 2030 e 2050, facilitando la transizione da carburanti piu’ inquinanti senza tecnologie ‘locking-in’ che possono impedire lo sviluppo di soluzioni ‘pulite” (il ‘lock in’ tecnologico si riferisce alla situazione in cui le imprese hanno investito in una tecnologia che si e’ rivelata inferiore ad altre disponibili pero’ trovano costoso uscire dall’investimento originario).

a Commissione indica che gli aiuti di Stato devono ‘garantire la coerenza con la legislazione e le politiche nei settori ambientale ed energetico, tra l’altro, ponendo fine ai sussidi per i combustibili fossili piu’ inquinanti, per i quali e’ improbabile una valutazione positiva da parte della Commissione ai sensi delle norme sugli aiuti di Stato alla luce dei loro importanti aspetti negativi effetti ambientali’. Di qui la linea sugli investimenti nel gas naturale a meno che, appunto, non venga dimostrata la loro compatibilita’. Si prevede anche flessibilita’ per gli aiuti per la chiusura degli impianti a carbone, torba e scisti bituminosi per facilitare la decarbonizzazione nel settore energetico.

Nelle linee guida dell’Antitrust vengono inclusi gli aiuti per numerose aree rilevanti per il Green Deal: ci sono sezioni nuove o aggiornate sugli aiuti per la prevenzione o la riduzione dell’inquinamento diverso da quello dovuto ai gas a effetto serra, compreso l’inquinamento acustico, gli aiuti per l’efficienza delle risorse e l’economia circolare, gli aiuti per la biodiversita’ e per la riparazione del danno ambientale. Inoltre, ci sono sezioni dedicate agli aiuti che incentivano gli investimenti in settori di punta come il rendimento energetico degli edifici e la mobilita’ pulita, che coprono tutti i modi di trasporto.

Vengono poi modificate le norme sulle riduzioni di alcuni tributi sull’energia elettrica per gli utenti ad alta intensita’ energetica per limitare il rischio che, a causa di tali prelievi, le attivita’ in determinati settori si spostino in luoghi dove le discipline ambientali sono assenti o meno ambiziose rispetto alla Ue. Al fine di soddisfare i maggiori sforzi di decarbonizzazione necessari per raggiungere gli obiettivi climatici vengono compresi nel nuovo quadro le riduzioni di tutti i prelievi che finanziano la decarbonizzazione e le politiche sociali. Inoltre, al fine di consentire agli Stati membri di mantenere condizioni di parita’ e sulla base di indicatori obiettivi a livello di settore, viene razionalizzato il numero di settori ammissibili. Le regole sono state anche riviste per sostenere meglio la progressiva decarbonizzazione delle aziende, collegando, tra l’altro, le riduzioni dei tributi agli impegni dei beneficiari per ridurre la loro impronta di carbonio.

Infine, vengono semplificate le regole procedurali eliminando l’obbligo di notifica individuale dei grandi progetti verdi nell’ambito dei regimi di aiuto preventivamente approvati dalla Commissione.

ULTIME NEWS

La Commissione invita a mettere la sostenibilità al centro dei sistemi di istruzione e formazione Ue

Open Doors Day in Strasbourg. Raising of the flags - Opening ceremony. La Commissione ha pubblicato una proposta di raccomandazione del Consiglio sull'apprendimento per la...

Grenoble Capitale verde europea 2022: il Commissario Sinkevičius alla cerimonia di apertura

Da oggi Grenoble è diventata ufficialmente Capitale verde europea per il 2022, succedendo alla città finlandese di Lahti. La cerimonia di apertura si è...

NOTIZIE DELLA STESSA CATEGORIA

La Commissione invita a mettere la sostenibilità al centro dei sistemi di istruzione e formazione Ue

Open Doors Day in Strasbourg. Raising of the flags - Opening ceremony. La Commissione ha pubblicato una proposta di raccomandazione del Consiglio sull'apprendimento per la...

Grenoble Capitale verde europea 2022: il Commissario Sinkevičius alla cerimonia di apertura

Da oggi Grenoble è diventata ufficialmente Capitale verde europea per il 2022, succedendo alla città finlandese di Lahti. La cerimonia di apertura si è...

Confcommercio, i costi di elettricità e gas saliranno fino al 42% nel prossimo trimestre

La crisi che ha investito i mercati dell'elettricita' e del gas in Europa non ha paragoni con il recente passato ed ha una gravita'...

Belgio, accordo per investire 100 milioni di euro nel nucleare di nuova generazione

La coalizione politica al potere in Belgio avrebbe raggiunto un accordo nella notte per investire 100 milioni nel nucleare di nuova generazione, secondo un'anticipazione...
Pubblicità

NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?