Ecco il profilo del viaggiatore del 2022

Canopy by Hilton Minneapolis, a conversion of the historic Advance Thresher/Emerson-Newton building from office to hotel by DLR Group. Canopy by Hilton Minneapolis, a conversion of the historic Advance Thresher/Emerson-Newton building from office to hotel by DLR Group.

Vacanze in compagnia dei propri animali, viaggi per ritrovarsi, esperienze contactless, avventure gastronomiche e sostenibili. Lo dice una indagine di Hilton

La pandemia ha modificato il modo di viaggiare, ma questa è solo una parte del racconto. Di recente Hilton ha pubblicato un global trend report che svela come la pandemia abbia cambiato le persone attraverso l’indagine – “The 2022 Traveler: Emerging Trends and the Redefined Traveler, a Report from Hilton”.

In quanto azienda che ha accolto tre miliardi di ospiti durante la sua storia ultra-centenaria, nello studio Hilton dimostra la propria evoluzione contemporaneamente a quella del viaggiatore, prendendo in esame alcuni ambiti quali:

  • Fitness: come le app di workout e nuovi programmi di allenamento abbiano cambiato l’approccio di dove, quando e come le persone si allenano.
  • Spa: come il focus crescente sul wellness stia modificando la spa, così come l’esperienza olistica dell’hotel.
  • Food & beverage: come il pane a lievitazione naturale, trend del 2020, venga sostituito da una sempre maggior richiesta di esperienze culinarie.
  • Sostenibilità: dalla cottura in forni solari fino alle biciclette elettriche, come i 18 mesi di lockdown abbiano contribuito a ridefinire l’interesse per un pianeta più sano.
  • Design: come i lavoretti fai da te, gli hobby di giardinaggio e l’attenzione per gli spazi esterni, come i cortili, stiano cambiando la percezione del design dell’hotel.
  • Servizi: come il numero crescente di animali domestici durante la pandemia stia portando a un interesse maggiore dei viaggi in loro compagnia e al conseguente diffondersi di hotel per cani, agevolazioni per i cuccioli e altro.
  • Loyalty: come la creazione di nuovi programmi di fedeltà – in tutti i settori – stia determinando una customizzazione e benefit maggiori per i clienti.

“Il mondo – e il settore hospitality – hanno subìto cambiamenti radicali negli ultimi due anni. E come abbiamo scoperto in questo report, le esigenze e gli interessi dei viaggiatori sono cambiati”, ha affermato Christ Nassetta, presidente e CEO di Hilton. “In Hilton abbiamo lavorato molto per poter soddisfare le richieste dei nostri ospiti, nonostante i momenti difficili trascorsi. Guardo al futuro con ottimismo – il viaggio è una certezza che sta tornando, e noi siamo entusiasti di partecipare a questo cambiamento epocale”.

Numerosi e nuovi sono i trend di viaggio che emergono dal report e che determinano innovazioni sia interne sia esterne all’hotel. Da questi emergono quattro temi costanti, che riescono a ridefinire la tipologia del viaggiatore post pandemia:

  • Nel caos, le persone hanno riscoperto il valore dell’efficienza e la vorranno sperimentare anche durante un viaggio: questo aspetto è stato accolto positivamente in diversi ambiti della vita e verrà ricercato anche in viaggio, per esempio con il check-in e il check-out contactless e la digital key.
  • L’attenzione generale al benessere andrà oltre la palestra: modi differenti di vivere il luogo di lavoro e l’affermarsi di una nuova modalità di allenamento fisico si rifletteranno nella pianificazione dei viaggiatori, che opteranno sempre più per esperienze in grado di intensificare il contatto con la natura e di ritrovare il giusto equilibrio
  • I viaggiatori hanno coltivato passioni nuove e avranno gusti più raffinati: hobby nuovi o rinnovati implicano viaggiatori più informati, sofisticati e, in determinati casi, in forma. Si prevede che le persone partano con le proprie passioni in valigia, portando avanti la richiesta di nuovi trend nel fitness, nelle scelte gastronomiche e nelle esperienze di viaggio uniche.
  • È emerso un nuovo senso di interesse verso il prossimo, che aumenterà sempre più: la pandemia ha separato famiglie e amici, generando un crescente desiderio di rivedersi con viaggi di gruppo nel 2022. Varcando i limiti degli interessi personali, si prevede che i viaggiatori avranno più a cuore la sostenibilità e il benessere della comunità – e vorranno continuare a dimostrare la loro affezione nei confronti di brand, aziende e organizzazioni che incarnano i loro stessi valori.

“L’effetto della pandemia sul settore turistico è stato ben documentato. Nonostante ciò, è ugualmente essenziale riconoscere l’impatto psicologico causato da questo periodo e che continuerà ancora per i prossimi anni”, ha commentato la psicologa Kate Cummins, che considera il viaggio come componente importante per la salute mentale. “Il viaggiatore avrà senz’altro vissuto dei cambiamenti, ma il potere benefico del viaggiare rimane: miglioramento dell’emotività e del benessere e, dopo due anni tosti, ne abbiamo bisogno”.

ULTIME NEWS

Sei giorni di puro jazz a Lana in Alto Adige

È ormai un appuntamento consolidato quello che coinvolge Lana in Alto Adige come teatro di Lana meets Jazz, il festival musicale estivo in cui...

“Edizioni La Biennale di Venezia” per la prima volta partecipa al Salone Internazionale del Libro di Torino

“Edizioni La Biennale di Venezia” è presente per la prima volta con un proprio stand alla XXXIV edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino,...

NOTIZIE DELLA STESSA CATEGORIA

Sei giorni di puro jazz a Lana in Alto Adige

È ormai un appuntamento consolidato quello che coinvolge Lana in Alto Adige come teatro di Lana meets Jazz, il festival musicale estivo in cui...

“Edizioni La Biennale di Venezia” per la prima volta partecipa al Salone Internazionale del Libro di Torino

“Edizioni La Biennale di Venezia” è presente per la prima volta con un proprio stand alla XXXIV edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino,...

NHOA diventa partner di Emergency per sostenere i rifugiati ucraini in Moldavia con una clinica mobile

Il Gruppo NHOA contribuirà alle cure mediche primarie e all’assistenza psicologica dei rifugiati ucraini in fuga dalla guerra finanziando per tre mesi l’attività e la...

Alliance To End Plastic Waste e Lombard Odier Investment Managers danno vita alla strategia “circular plastic”

Il nuovo fondo mira ai rifiuti in plastica per generare opportunità di investimento. I mercati dei capitali hanno un ruolo determinante nella diffusione di...
Pubblicità

NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?