Green hospitality, la bio architetta Monterisi firma un nuovo B&B 100% naturale a Gressoney

Cibo bio e a km zero, eco wellness e digital detox all’aria aperta: quella delle vacanze eco-green è, ormai, una tendenza consolidata dell’ospitalità che punta a intercettare viaggiatori sempre più consapevoli e attenti, in cerca di strutture ricettive compatibili con i propri ideali di sostenibilità. Per questo, è fondamentale che non solo i servizi offerti, ma che anche le strutture stesse rispettino l’ambiente e la natura, seguendo gli ultimi dettami della bioedilizia. Ne è convinta, già da tempo, l’architetta Tiziana Monterisi, specializzata in architettura bioecologica e co-fondatrice di Ricehouse – società benefit che trasforma i sottoprodotti dell’agricoltura in materiali edili 100% naturali. L’architetta Monterisi ha alle spalle una solida esperienza nella realizzazione di progetti legati al mondo dell’ospitalità e wellness con una forte impronta green, come il B&B Alchemilla a Gressoney eil Polo Sensoriale ViaCavour98 a San Romano (PI).

“Soggiornare in un ambiente salubre e sano, costruito con materiali naturali, rappresenta un’esperienza unica, in cui la vista, l’olfatto, il tatto e il benessere generale degli ospiti traggono giovamento – afferma l’architetta Tiziana Monterisi -. È scientificamente provato che soggiornare in un luogo privo di composti organici volatili (VOC) e formaldeide rigenera il corpo in soli 3 giorni. Ma non solo. Un habitat senza agenti inquinanti migliora sensibilmente la qualità della vita e, grazie anche a un sapiente uso di luci, colori e texture, è possibile ridurre notevolmente il nostro livello di stress, migliorando umore e proattività”.

B&B Alchemilla | Gressoney (Valle d’Aosta)

Alchemilla è un’affascinante B&B collocato sulle montagne della Valle d’Aosta. L’edificio, immerso nella natura a 1.630 m, è stato interamente progettato dall’architetta Monterisi, seguendo i principi della bio-architettura e realizzato con i materiali naturali Ricehouse, permettendo così agli ospiti di soggiornare in un ambiente sano e privo di formaldeide, in cui rigenerarsi, vivendo una sensazione di profondo comfort e naturalità.

La costruzione portante, così come lo scheletro dell’edificio, sono realizzate in legno, quindi con materiale rinnovabile. La paglia di riso è stata utilizzata per la coibentazione, sia per le pareti verticali, interne ed esterne, sia per l’isolamento del controterra e del tetto. Tutti gli intonaci interni sono a base calce e lolla o argilla e pula, mentre quelli esterni sono a base di calce e lolla.

Alchemilla è un edificio a energia zero: l’attenzione progettuale e la scelta dei materiali 100% naturali, supportate da soluzioni tecnologiche all’avanguardia, hanno dato vita a un edificio che non ha bisogno di energia, senza sacrificare design e cura del dettaglio.

Si tratta di un’architettura che non impatta a livello ambientale: non emette CO2, ma anzi la compensa grazie all’impiego dei materiali che compongono l’intero edificio e che, essendo biocompostabili e biodegradabili, arrivati a fine vita non andranno ad impattare sull’ambiente.

Tutte le imprese che hanno realizzato il progetto sono locali, proprio per supportare e sostenere l’economia del territorio. Alchemilla si sviluppa su due livelli: al piano terra il B&B, di sole 3 stanze, mentre al piano superiore vivono i proprietari, Giulia – osteopata – e Hervè – guida alpina e maestro di sci – insieme ai loro 4 figli.

Il progetto in parte si può definire anche di autocostruzione. Ricehouse ha accolto questa specifica richiesta del committente, fornendo tutto il supporto tecnico necessario, così l’isolante in paglia di riso e gli intonaci sono stati posati da Giulia, Hervè e dai loro amici e familiari.

ViaCavour98 – Polo Sensoriale | San Romano (PI)

Un altro esempio virtuoso di sostenibilità architettonica è il progetto di ristrutturazione e ampliamento del polo sensoriale situato in località San Romano, una frazione del comune di Montopoli in Val d’Arno.

ViaCavour98 è una vera e propria oasi di serenità che accoglie i propri ospiti per vivere un’esperienza di benessere intensa e completa. Tutto è studiato per ristabilire un nuovo equilibrio fra mente, corpo e natura, dai trattamenti per il corpo, incluso quelli che si appoggiano alla filosofia ayurveda, ai corsi di pilates e di yoga sul tetto giardino.

L’architetta Monterisi ha progettato l’edificio al fine di minimizzare i consumi legati al riscaldamento e raffrescamento, all’illuminazione e alla produzione di acqua calda sanitaria. Per la realizzazione sono stati impiegati i materiali naturali Ricehouse.

Il progetto firmato dall’architetta Monterisi prevede la riqualificazione e la ristrutturazione della parte preesistente, un nuovo ampliamento in legno e paglia di riso e un corpo di collegamento tra le due parti. Il nuovo corpo presenta un tetto giardino ed è ricoperto, esternamente, da una struttura metallica leggera per i rampicanti che non hanno solo una funzione estetica ma soprattutto di schermatura solare.

L’edificio è ad altissime prestazioni energetiche (nZeb, near Zero Energy Building): il riscaldamento e il mantenimento della temperatura interna sono garantiti da un impianto di ventilazione meccanica controllata di ultima generazione, che recupera il calore immagazzinato grazie all’apporto solare e provvede a distribuirlo in tutte le porzioni dell’edificio. All’interno, la nuova struttura in legno e paglia presenta pannelli di argilla a soffitto, che regolano l’umidità in modo naturale, contribuendo a garantire un elevato livello di comfort. Il nuovo spazio di collegamento funziona da serra solare e contribuisce al riscaldamento naturale dell’edificio.

ULTIME NEWS

Chi beneficia del riscaldamento globale

Parla Stephan Eugster, Impact Analyst di Vontobel 55% - questo è di quanto la Commissione europea vuole ridurre le emissioni di gas serra dell'Unione Europea entro...

Clima, parte alla Casa Bianca il summit virtuale mondiale voluto da Biden

A meno di due mesi dalla Cop26, il vertice Onu di Glasgow Al via alla Casa Bianca il summit virtuale su clima ed energia promosso...

NOTIZIE DELLA STESSA CATEGORIA

Chi beneficia del riscaldamento globale

Parla Stephan Eugster, Impact Analyst di Vontobel 55% - questo è di quanto la Commissione europea vuole ridurre le emissioni di gas serra dell'Unione Europea entro...

Clima, parte alla Casa Bianca il summit virtuale mondiale voluto da Biden

A meno di due mesi dalla Cop26, il vertice Onu di Glasgow Al via alla Casa Bianca il summit virtuale su clima ed energia promosso...

Il buco dell’ozono ora è più grande dell’Antartide

Lo indicano i satelliti del programma europeo Copernicus Il buco dell'ozono quest'anno ha raggiunto un'estensione superiore a quella dell'Antartide, una delle più grandi e profonde...

Robeco lancia il Next Digital Billion Fund per beneficiare dell’adozione di Internet su vasta scala nei mercati emergenti

Anticipando il trend della prossima ondata di utenti di Internet, che si trovano per la maggior parte nei paesi emergenti, Robeco ha lanciato uno dei...
Pubblicità

NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?