Invasione russa dell’Ucraina. Il rischio di una crisi energetica e la volatilità dei mercati. Come orientare l’asset allocation

Parla Vincent Chaigneau, Head of Research di Generali Investments

Il conflitto Russia/Ucraina ha creato una significativa volatilità nei mercati. L’inflazione ha avuto un’impennata relativamente al petrolio e alle materie prime, dato che la Russia è un attore chiave in alcuni settori.

L’innovazione delle aziende russe potrebbe fermarsi come risultato dell’azione e gli investitori potrebbero trascurare i fondamentali delle aziende e concentrarsi sul rischio geopolitico. La limitazione dell’accesso della Russia al capitale attraverso i mercati del debito e dei cambi potrebbe anche porre ulteriori ostacoli.

L’incertezza prevale e la volatilità e la debolezza del mercato continueranno, come minimo, fino a quando non avremo chiarezza sulle sanzioni.

Che impatto ne deriva sull’asset allocation? Secondo Vincent Chaigneau, Head of Research di Generali Investments, i mercati hanno già rapidamente scontato il forte aumento dell’incertezza politica e il rischio di una crisi energetica. Il prezzo del petrolio (Brent) è balzato sopra i 100 dollari USA/bl, e vediamo i rischi orientati verso un aumento per un tempo prolungato. La fuga verso i safe assets Bund e Treasury è minacciata in parte dalle crescenti preoccupazioni sull’inflazione; i rendimenti reali a lungo termine sono in parte arretrati, ma l’inflazione breakeven è aumentata, insieme ai prezzi dell’energia. Gli swap sull’inflazione a 5 anni in EUR, al 2,63%, vengono scambiati a un nuovo massimo del ciclo, anche se ancora al di sotto del record registrato nel 2008 (3,0%). Gli spread creditizi si sono ampliati, ma non sono esplosi.

Una continua escalation potrebbe favorire un ulteriore (moderato) appiattimento della curva dei rendimenti “risk-free” nel breve termine (bull-flattening), con i rendimenti a breve ancora sostenuti dalla necessità delle banche centrali di affrontare l’inflazione. Gli spread dei bond dell’Europa meridionale si sono allargati e potrebbero restare sotto pressione per le crescenti preoccupazioni sulla crescita che minacciano la sostenibilità del debito. A seguito della crisi Covid, i bilanci sovrani sono più esposti di quelli privati, di imprese e famiglie. Le azioni sembrano già a buon mercato sotto alcuni profili (compresi i premi per il rischio aumentati), ma nell’attuale scenario altamente volatile sembra prematuro comprare sul calo nei prezzi. Detto questo, un ulteriore calo degli indici azionari europei e statunitensi attorno al 5-7% spingerebbe i premi per il rischio a livelli che storicamente si sono dimostrati piuttosto attraenti. Aumentiamo la liquidità con l’obiettivo di riposizionarci sul rischio quando si registrerà maggiore stabilità geopolitica e sui prezzi dell’energia. Inoltre, l’intensificazione delle preoccupazioni sulla possibilità di uno scenario di stagflazione suggerisce per ora la riduzione della ciclicità del portafoglio.

La nostra preoccupazione più grande in effetti è che una vera e propria crisi energetica provocherebbe un rallentamento economico, oltre a minacciare le previsioni degli utili. Raccomandiamo di diminuire l’esposizione ciclica ed aumentare le azioni difensive e, allo stesso tempo, ridurre la sovraesposizione alle azioni Value in un contesto di pull-back dei rendimenti reali. Restiamo Overweight sul credito, considerando che la BCE valuterà cautamente il tapering del CSPP in vista del mantenimento di condizioni di finanziamento sufficientemente di supporto. Rispetto a precedenti indicazioni, consigliamo ora una riduzione dell’esposizione al credito finanziario rispetto a quello non finanziario; sottopesiamo inoltre la periferia rispetto all’Europa core, favorendo l’Investment Grade rispetto all’High Yield, ed i subordinati rispetto all’High Yield puro. Sul mercato valutario, l’USD e lo JPY si preparano a godere di una forte domanda in un contesto di incertezze globali, mentre le valute dell’Europa dell’est sono esposte a ulteriore pressione per via dei rischi politici.

ULTIME NEWS

Regusto e Rovagnati insieme contro lo spreco alimentare, nel 2021 donate 15 tonnellate di prodotti

Continua anche quest’anno la partnership che vede protagonisti Regusto e Rovagnati, impegnati in prima linea a combattere gli sprechi alimentari. Il 2021 ha registrato...

Sei giorni di puro jazz a Lana in Alto Adige

È ormai un appuntamento consolidato quello che coinvolge Lana in Alto Adige come teatro di Lana meets Jazz, il festival musicale estivo in cui...

NOTIZIE DELLA STESSA CATEGORIA

Regusto e Rovagnati insieme contro lo spreco alimentare, nel 2021 donate 15 tonnellate di prodotti

Continua anche quest’anno la partnership che vede protagonisti Regusto e Rovagnati, impegnati in prima linea a combattere gli sprechi alimentari. Il 2021 ha registrato...

Sei giorni di puro jazz a Lana in Alto Adige

È ormai un appuntamento consolidato quello che coinvolge Lana in Alto Adige come teatro di Lana meets Jazz, il festival musicale estivo in cui...

“Edizioni La Biennale di Venezia” per la prima volta partecipa al Salone Internazionale del Libro di Torino

“Edizioni La Biennale di Venezia” è presente per la prima volta con un proprio stand alla XXXIV edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino,...

NHOA diventa partner di Emergency per sostenere i rifugiati ucraini in Moldavia con una clinica mobile

Il Gruppo NHOA contribuirà alle cure mediche primarie e all’assistenza psicologica dei rifugiati ucraini in fuga dalla guerra finanziando per tre mesi l’attività e la...
Pubblicità

NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?