Coop Alleanza 3.0 sigla accordo sullo smart working per 1.000 dipendenti

Coop Alleanza 3.0, la piu’ grande cooperativa di consumatori in Italia, a fare da apripista per la regolamentazione dello smart working nella Grande Distribuzione: l’accordo siglato con le principali organizzazioni sindacali di categoria consente, infatti, alla Cooperativa di avviare una inedita e innovativa sperimentazione che, dal primo febbraio 2021, coinvolgera’ su base volontaria la popolazione dei circa 1.000 dipendenti di sede.

La prospettiva di inserire la regolamentazione del lavoro agile all’interno della contrattazione integrativa ha visto convergere gli intenti di Coop Alleanza 3.0 e delle organizzazioni sindacali, che insieme promuovono cosi’ una piattaforma progettuale del tutto innovativa, lungimirante e condivisa. L’accordo introdotto in forma sperimentale dalla Cooperativa prevede la possibilita’ di adesione volontaria, individuale e reversibile per tutti i dipendenti di sede, che possono cosi’ scegliere di lavorare da remoto (dalla propria abitazione o da altro luogo) da un minimo di 2 a un massimo di 4 giorni alla settimana.

“Lo Smart Working come strumento di organizzazione del lavoro per obiettivi e risultati, come driver di innovazione delle competenze al servizio dei negozi e dei soci/consumatori, come leva di conciliazione casa/lavoro e di attenzione all’ambiente: e’ questa la visione che ci ha orientati verso la firma dell’accordo collettivo sul lavoro agile, raggiunto con le organizzazioni sindacali di categoria”, sottolinea Milco Traversa, Direttore Risorse Umane di Coop Alleanza 3.0. “La pandemia ha accelerato un percorso innovativo intrapreso da tempo dalla Cooperativa: a gennaio 2020 abbiamo avviato un progetto pilota che ha coinvolto circa 100 colleghi, che in un successivo sondaggio hanno manifestato il desiderio di proseguire anche in futuro l’esperienza dello smart working, nel 90% dei casi”.

L’aspetto di innovazione dell’accordo risiede sia nell’idea di una pianificazione del lavoro agile, ai fini della massima efficienza ed efficacia del lavoro a supporto dei punti vendita, sia nell’attenzione a tutti gli aspetti di sicurezza: dalla privacy alla tutela dei dati fino al diritto alla disconnessione. I risultati della sperimentazione verranno costantemente monitorati sia da un punto di vista qualitativo che quantitativo, per valutarne l’impatto sulla Cooperativa, sui lavoratori e sull’ambiente. La Cooperativa sceglie, dunque, di investire su un approccio al lavoro basato sulla fiducia, sulla misurazione dei risultati e sulle nuove competenze (digitali e di collaborazione), al consolidamento delle quali saranno dedicati specifici percorsi formativi e informativi.

ULTIME NEWS

Antartide, Enea nel progetto internazionale di ricerca sul clima che fu

È partita in Antartide la campagna di carotaggio del progetto internazionale Beyond Epica Oldest Ice che ha l’obiettivo, attraverso il campionamento e l’analisi del...

I Nas oscurano 30 siti che vendevano farmaci online per il coronavirus

Offerta anche l'ivermectina, l'antiparassitario utilizzato che l'Ema raccomanda di non utilizzare Trenta siti, presenti su server esteri, sono stati oscurati dal Comando Carabinieri per la...

NOTIZIE DELLA STESSA CATEGORIA

Antartide, Enea nel progetto internazionale di ricerca sul clima che fu

È partita in Antartide la campagna di carotaggio del progetto internazionale Beyond Epica Oldest Ice che ha l’obiettivo, attraverso il campionamento e l’analisi del...

I Nas oscurano 30 siti che vendevano farmaci online per il coronavirus

Offerta anche l'ivermectina, l'antiparassitario utilizzato che l'Ema raccomanda di non utilizzare Trenta siti, presenti su server esteri, sono stati oscurati dal Comando Carabinieri per la...

Per l’Ue nucleare e gas faranno parte della tassonomia green

“L’inserimento di gas e nucleare nella tassonomia è questione che è stata sollevata da vari ministri. Per il mix energetico del futuro abbiamo bisogno...

Trasporto merci, otto raccomandazioni per l’Italia

Arrivano dal gruppo di lavoro composto da aziende, associazioni di categoria, università, associazioni ambientaliste, esperti. Serve subito una batteria trategia di decarbonizzazione al 2050...
Pubblicità

NEWSLETTER

Registrati gratis per rimanere aggiornato

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?